HOME - Approfondimenti
 
 
17 Novembre 2016

Giornata Europea degli Antibiotici per arginare l'antibiotico resistenza. Landi (CED): anche i dentisti devono fare la propria parte


I dati pubblicati dall'Organizzazione internazionale sul consumo degli antibiotici confermano la necessità di diminuirne l'utilizzo inadeguato per contrastare l'antibiotico resistenza che, spiegano gli esperti pone un onere significativo sui sistemi sanitari e bilanci nazionali.

Gli ospedali, si legge nel rapporto dell'Ocse pubblicato in occasione della Giornata Europea degli Antibiotici, "spendono, in media, tra i 10.000 e i 40.000 dollari per il trattamento di un paziente infettato da batteri resistenti.I costi sociali possono essere alti come i costi sanitari, a causa della perdita di produttività e di reddito.È tutto ciò è preoccupante perché stiamo andando verso una "era post-antibiotica", dove le infezioni comuni possono diventare, ancora una volta, fatali".

Negli ultimi 10 anni, ha rilevato l'OCSE, il consumo (anche per l'uso massiccio che se ne fa negli allevamenti) è cresciuto in media nei Paesi Ocse del 4%, arrivando fino alla media di 20,5 dosi ogni 1.000 abitanti. Il Paese che ne consuma di più è la Turchia (41 dosi ogni 1.000 abitanti), seguita dalla Grecia (34), Corea (31,7), Francia (29), Belgio (28,4) e Italia (27,8). Lo stato che ne consuma di meno è invece il Cile (9,4 dosi) e i Paesi Bassi (10,6). Da notare come in Italia negli ultimi 10 anni l'uso degli antibiotici sia cresciuto del 6%".

Anche gli odontoiatri devono fare la loro parte visto che i dati provenienti dal Regno Unito che riguardano l'utilizzo degli antibiotici da parte dei dentisti, assegnerebbe ai dentisti la responsabilità della prescrizione del 9% circa di tutti gli antibiotici utilizzati per l'uomo.

Per sensibilizzare i dentisti europei verso una prescrizione consapevole, il Council of European Dentists (CED) aderisce alla Giornata Europea degli Antibiotici, che si celebra domani venerdì 18 novembre. Iniziativa iniziativa di salute pubblica promossa dalla Commissione e dal Parlamento Europeo, condotta dal Centro europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie (ECDC) il Centro europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie (ECDC) è l'agenzia dell'Unione europea che mira a rafforzare le difese europee contro le malattie infettive.

Per preparare e organizzare la Giornata europea degli antibiotici, il Centro europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie (ECDC) ha lavorato in partenariato e con il sostegno di varie organizzazioni professionali e di reti sanitarie dell'UE.

"Il Council of European Dentists -spiega il suo presidente Marco Landi- è uno dei partner professionali dell'ECDC e ,come già avvenuto per le precedenti campagne, ha ribadito il suo sostegno all'iniziativa che quest'anno si concentra particolarmente sull'uso appropriato degli antibiotici in ambiente ospedaliero".

Il CED sarà presente alla conferenza stampa organizzata dall'ECDC per il 18 Novembre a Bruxelles e parteciperà attivamente alla Global Twitter Chat durante la Settimana Mondiale degli Antibiotici (World Antibiotic Awareness Week) lanciata per la prima volta lo scorso anno dal WHO , l'Organizzazione Mondiale della Sanità.

In alcuni Paesi la campagna di sensibilizzazione verso i dentisti si concentrerà particolarmente sulla necessità di non prescrivere terapie antibiotiche quando altri interventi non farmacologici potrebbero portare uguale o maggiore beneficio al paziente.

"Troppo spesso spiegano dal CED- si è rilevato, specialmente all'interno di strutture pubbliche e private nelle quali il dentista si può trovare ad operare con tempi "contingentati", che la prescrizione antibiotica in realtà può essere il paravento della mancanza di volontà o della impossibilità di eseguire manovre in urgenza, come l'apertura di una camera pulpare, e un modo di procrastinare il paziente dandogli la sensazione comunque di aver preso in considerazione la sua problematica".

Il CED, nell'ambito della sua costante collaborazione con le altre organizzazioni professionali europee (i medici del CPME, i farmacisti del PGEU, gli infermieri dell'EFN) sostiene dunque autorevolmente , grazie alla rappresentatività di 30 Paesi, la campagna di sensibilizzazione sull'uso prudente degli antibiotici, in linea con l'approccio integrato "Una sola salute" della Commissione europea .

Chi fosse interessato al materiale informativo sul tema, da distribuire anche ai propri pazienti può visitare il sito .

Articoli correlati

Il Council of European Dentists, principale organo professionale dell’Unione Europea presieduto dall’italiano Marco Landi, ha lanciato un grande sondaggio continentale sull’uso degli...


L’intervento di rialzo del seno mascellare è dimostrato essere una metodica sicura ed efficace per creare e ottimizzare la formazione di osso per il posizionamento degli...

di Lara Figini


Negli anni passati spesso e volentieri in ambito medico e odontoiatrico si è abusato degli antibiotici prescrivendoli anche qualora non vi fossero reali indicazioni, talvolta anche solo per...


Sabato 18 novembre sarà celebrata la Giornata dell'antibiotico, un'iniziativa che ha come obiettivo la sensibilizzazione sulla minaccia rappresentata dalla resistenza agli antibiotici e...


L'eccessiva prescrizione di antibiotici da parte dei dentisti può contribuire allo sviluppo nell'intestino del Clostridium difficile, che causa gravi infezioni con diarrea che in alcuni casi...


Altri Articoli

Poco più della metà della popolazione europea (55%) ha dichiarato che nel 2017 le spese mediche sostenute non sono state un peso dal punto di vista economico. I dati arrivano dalla ricerca annuale...


Da sx: Chiarello; Biancucci; Pallotta; Di Michele

Il SUSO, lo storico sindacato degli ortodontisti in occasione del convegno sull’approccio disciplinare sull’OSAS svoltosi lo scorso fine settimana ad Ascoli Piceno, ha rinnovato il proprio gruppo...


Un diplomato odontotecnico di 57 anni è stato denunciato dal Nas di Milano per esercizio abusivo della professione odontoiatrica. Secondo quanto riporta la stampa locale la denuncia sarebbe...


Non è consentito pubblicizzare la visita gratuita, se non in situazioni particolari. E’ questo quanto deciso dalla Commissione Centrale Esercenti delle Professioni Sanitarie in merito al ricorso...


Dall'1 gennaio 2019 sono entrate in vigore le nuove norme in materia di pubblicità dei servizi sanitari contenute ai commi 525 e 536 dell’art. 1 della Legge 30 dicembre 2018 n. 145 (Legge di...


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Corsi ECM

 
 

Libri

 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 
 
 
www.medicaments-24.net

www.steroid-pharm.com

www.medicaments-24.net