HOME - Approfondimenti
 
 
09 Marzo 2018

Rischio fibrosi polmonare idiopatica per dentisti ed odontotecnici

In USA, il Centers for Disease Control sta indagando su alcune morti sospette

Nor. Mac.

Il Centers for Disease Control and Prevention degli Stati Uniti ha indicato nel suo report settimanale -Morbidity and Mortality Weekly Report- l’intenzione di studiare un gruppo di casi di fibrosi polmonare idiopatica riscontrati tra i dentisti e altri operatori dentali trattati in un centro di cura della Virginia.   La fibrosi polmonare idiopatica è una malattia cronica e progressiva con prognosi infausta di cui non si conoscono ancora le cause.  

Secondo quanto ha pubblicato la CNN nell’edizione on line, nove pazienti, di cui sette sono morti, durante il periodo di 16 anni sarebbero stati interessati dalla malattia polmonare. Ad indagare sul cluster di pazienti è il dr. Randall J. Nett, autore principale dello studio e ufficiale medico presso la US Public Health Service.  

A fare scattare l’allarme e l’attenzione verso gli operatori del settore dentale dei ricercatori, si legge nel report, il fatto che tra i 894 pazienti trattati per fibrosi polmonare idiopatica nell'ospedale della Virginia, nove pazienti – ovvero l'1% - erano dentisti o odontotecnici. Percentuale che risulterebbe “23 volte più alta del previsto", secondo quanto indicato dal ricercatore.   Tutti i pazienti del gruppo - otto dentisti e un odontotecnico - erano uomini, con un'età media di 64 anni. Sebbene la ragione della malattia non sia stata identificata, le esposizioni professionali sono possibili, hanno scritto Nett e i suoi colleghi.  

"I dentisti hanno esposizioni uniche sul luogo di lavoro", ha sottolineato il dott. Nett. "Queste esposizioni includono batteri, virus, polveri, gas, radiazioni e altri rischi respiratori".  

Secondo il report, uno dei pazienti del gruppo sopravvissuto, operatore del settore dentale, ha riferito di aver lucidato apparecchi dentali senza usare ausili di protezione come mascherine e sarebbe stato esposto alla silice e ad altri composti con tossicità respiratoria nota o potenziale.   "In questo momento non sappiamo cosa abbia causato questo gruppo di casi di fibrosi polmonare idiopatica nel personale che opera nel settore odontoiatrico", ha detto il dr. Nett, che ha raccomandato ai lavoratori di "indossare una protezione respiratoria certificata", se la capacità di migliorare la ventilazione non è praticabile o efficacie.  

"C'è ancora molto lavoro da fare prima di poter trarre conclusioni sul rischio che i dentisti o odontotecnici hanno in funzione al loro lavoro", ha chiarito il ricercatore.   Il dott. Paul Casamassimo, responsabile delle politiche del Centro di salute e ricerca pediatrica per l'igiene dell'American Academy of Pediatric Dentistry, ha affermato alla CNN che il nuovo rapporto non è "sorprendente".   “Per anni –ha detto Casamassimo- i dentisti sono stati esposti a polveri derivanti dalla rifinitura di materiali da otturazione e per la protesi, oltre alle sostanze tossiche elencate nel rapporto. I pazienti del gruppo erano tutti anziani, quindi potrebbero non aver usato le pratiche più aggiornate per la protezione e la sicurezza personale”. "Lavoriamo con materiali e con bioprodotti umani potenzialmente dannosi per i nostri corpi se li inaliamo", ha continuato. “I giovani dentisti vengono formati in modo diverso rispetto al passato e utilizzano strumenti di protezione adeguati”.  

Dott. Casamassimo che informa come suo padre fosse anche lui un dentista e nonostante non sia morto a causa di un problema polmonare, soffriva di problemi respiratori. “Probabilmente era un problema più diffuso di quanto fosse conosciuto”, ha concluso.  

Articoli correlati

Se la normativa è molto generica è il buon senso che deve guidare il lavoratore


Altri Articoli

Alcuni giorni fa è apparsa su Odontoiatria33 la notizia che nei giorni di sabato 15 e 16 marzo  l’Assemblea dei 106 Presidenti delle Commissioni Albo Odontoiatri che si sarebbe riunita...


“Say Ahh: Act on Mouth Health” è lo slogan promosso dalla FDI (Federazione Dentale Internazionale) per la Giornata Mondiale dedicata alla Salute Orale che si celebra il 20 marzo in tutto il...


In occasione della Giornata Mondiale della Salute Orale, ANDI e Mentedent hanno lanciato il progetto “L’Educazione è la Migliore Prevenzione #SorrisiPreviDenti”, ideato da Mentadent in...


"C'è grande soddisfazione da parte nostra e da parte di tutti i presidenti CAO".A dirlo è Brunello Pollifrone (nella foto), presidente CAO Roma, che commenta la sentenza del Tar della Liguria che...


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Corsi ECM

 
 

Libri

 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
www.ka4alka-ua.com/tabletirovannie/stanozolol/strombafort

купить брусчатку

ботулотоксин отзывы