HOME - Approfondimenti
 
 
12 Ottobre 2018

Fatturazione elettronica, sempre più ''improbabile'' la proroga

Il Sottosegretario Villarosa spiega in Commissione Finanze i motivi

Nor. Mac.

Il nuovo “no” ad una proroga dell’obbligo di fatturazione elettronica anche verso i privati -previsto per il 1 gennaio 2019- è arrivato ieri dal vicesegretario all’Economia Alessio Villarosa alla V Commissione Finanze della Camera, ritenendo che “l’eventuale differimento presenta significativi impatti sul gettito, per le minori entrate derivanti dalla lotta all’evasione Iva”. Ma non solo, “l’eventuale avvio dell’obbligo con cadenze temporalmente diversificate a seconda della tipologia dei contribuenti sarebbe in contrasto con le caratteristiche proprie del sistema della fatturazione elettronica”. 

Viene infatti ricordato che la norma riguarda non solo il soggetto che emette la fattura ma anche quello che la riceve e quindi “se l’obbligo fosse limitato a specifiche categorie di operatori, si introdurrebbero elementi di notevole complessità per gli operatori stessi(e per i loro intermediari) nella gestione quotidiana delle fatture e, quindi, dei relativi processi amministrativi e contabili”.  

Sull’ipotesi di una entrata in vigore scaglionata, per esempio l’esenzione di alcuni soggetti esenti Iva come i dentisti, come aveva chiesto recentemente ANDI, la rivista telematica delle Entrate fa notare come questo introdurrebbe “elementi di notevole complessità anche per l’Agenzia delle Entrate che, infatti, si troverebbe a dover gestire la coesistenza di due adempimenti (fatturazione elettronica e spesometro) tra loro distinti per categorie di operatori Iva, disciplina e termini” aumentando il rischio di errori da parte degli operatori e le difficoltà dell’Amministrazione finanziaria di effettuare i controlli. 

Non solo notizie negative, secondo quanto anticipato questa mattina dai giornali economici, nella bozza di decreto fiscale collegato alla legge di Bilancio 2019 vi sono alcune angolazioni e semplificazioni come  la volontà per i primi sei mesi di non applicare sanzioni per la tardiva emissione della fattura entro il termine di liquidazione dell’Iva e comunque non oltre i 10 giorni “o comunque le sanzioni saranno ridotte del 20% se la fattura, emessa tardivamente, partecipa alla liquidazione periodica del mese o trimestre successivo”.  

Sarà anche incentivato ed agevolato il ruolo degli intermediari (per esempio i commercialisti) ai quali si potrà affidare una serie di “servizi delegabili” come la consultazione e-fatture, la registrazione dell’indirizzo telematico e la generazione del Qr-code.  

Articoli correlati

Entro giovedì 31 gennaio 2019 i soggetti esercenti prestazioni sanitarie (medici e dentisti inclusi) dovranno trasmettere al Sistema Tessera Sanitaria (STS) i dati delle fatture emesse...


A dirlo è Assosoftware che, in attesa che l’Agenzia delle Entrate pubblichi una nuova circolare con i chiarimenti ufficiali sulla fatturazione elettronica, ha fornito alcune...


Tra le norme introdotte dalla Legge di Stabilità 2019, il comma 53 sostituisce l’articolo 10 bis del decreto-legge 23 ottobre 2018,  n. 119, convertito, con modificazioni, dalla...


Con la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale del decreto fiscale 2019 entrano a regime anche le norme in tema di Fatturazione Elettronica. Norme che hanno modificato quanto precedentemente previsto...


Forse mai come oggi, ricordare i fatti che hanno caratterizzato l’anno che si sta per chiudere diventa un puro esercizio compilativo. Come da tempo non capitava, l’anno nuovo porterà molti...


Altri Articoli

Sabato 19 gennaio presso l’Università dell’Aquila, il dott. Roberto Pistilli ha tenuto un seminario, per gli studenti del Corso di Laurea Magistrale in Odontoiatria e Protesi Dentaria,...


Le patologie associate alla malattia parodontale, l’inquadramento dei problemi, le tecniche per salvare il dente ed evitare il dolore, il ruolo dei trattamenti ortodontici pregressi nel peggiorare...


160 milioni di euro di ricavi e un margine operativo lordo di 35-36 milioni sono i numeri del bilancio di DentalPro del 2018 divulgati da Milano e Finanza.MF che indica in 40 milioni...


Entro giovedì 31 gennaio 2019 i soggetti esercenti prestazioni sanitarie (medici e dentisti inclusi) dovranno trasmettere al Sistema Tessera Sanitaria (STS) i dati delle fatture emesse...


"Tutti gli operatori sanitari quando vengono a conoscenza nei confronti del paziente che stanno curando di una sua positività al virus dell'Hiv sono tenuti a prestare la necessaria assistenza....


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Corsi ECM

 
 

Libri

 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi