HOME - Approfondimenti
 
 
06 Febbraio 2019

Nomine CSS, le reazioni del settore. Ecco chi è il prof. Marco Ferrari


Con la nomina del prof. Marco Ferrari, un odontoiatra torna tra i membri nominati del Consiglio Superiore della Sanità dopo il dott. Roberto Callioni ed il prof. Enrico Gherlone, gli altri due nominati negli ultimi vent'anni. 

Sessanta anni compiuti ieri (martedì 5 febbraio 2019), il prof. Marco Ferrari, si è laureato in Medicina e Chirurgia presso l’Università di Pisa nel Luglio 1983 con il massimo dei voti ed ha conseguito la Specializzazione in Odontostomatologia nel 1987 presso l’Università di Siena con lode.  

Negli anni 1987-88 ha frequentato il Post-Graduate Program in Prosthodontics alla Tufts University di Boston, USA.  Al rientro in Italia ha cominciato l’insegnamento universitario come Professore a Contratto al corso di Laurea in Odontoiatria e Protesi Dentaria ed alla Scuola di Specializzazione in Odontostomatologia dell’Università di Siena (1990). Lungo e di prestigio il suo curricula sia come professionista che come docente, all’estero (in particolare al Tufts University di Boston ma anche alla Leeds University, University of Rochester, Xi’an University, Nihon University, Belgrade University) ed in Italia all’Università di Siena dove attualmente è Presidente del corso di laurea in lingua inglese in Odontoiatria e Protesi Dentaria (Dentistry) dell’Università di Siena, unico corso del genere attivato in Italia. 

Dal 2010 al 2017 è stato Presidente della Conferenza Permanente dei Presidenti di Corsi di Laurea Magistrale in Odontoiatria e Protesi Dentaria. Al suo attivo ha 430 pubblicazioni internazionali (delle quali 4/5 su riviste con impact factor), e di altri 290 pubblicazioni su riviste nazionali e circa 190 abstracts presentati a Congressi internazionali e nazionali, l’Agenzia internazionale (USA) di ranking nell’ambito della ‘Salute’, da anni segnala il prof. Ferrari come WORLD EXPERT e EXPERT in vari settori dell’odontoiatria. Il suo Gruppo di Ricerca è considerato leader mondiale nella ricerca translazionale applicata agli impianti, all’Odontoiatria Ricostruttiva e Protesica con particolare focus sull’odontoiatria digitale e al progresso tecnologico in ambito odontoiatrico. 

Molti i messaggi di congratulazioni che hanno accolto la nomina del prof. Ferrari, tra questi quelli istituzionali dei principali sindacati, della CAO del neo presidente del Collegio dei Docenti.

Prof. Roberto Di Lenarda (Collegio dei Docenti): "Il profilo scientifico ed il curriculum del prof Ferrari sono stati certamente fattori decisivi per la scelta del Ministro. Nel fare i complimenti ed i migliori auguri per questo oggettivamente straordinario risultato, tutto il Collegio sa di poter contare su un amico, professionista competente che ha profondamente a cuore il mondo odontoiatrico, i suoi problemi e le sue potenzialità. Buon lavoro Marco"

Raffaele Iandolo (CAO): “Esprimiamo la soddisfazione della Commissione Albo Odontoiatri della Fnomceo, della Federazione tutta e dell’intera Professione Odontoiatrica per la nomina, all’interno del Consiglio superiore di Sanità, del professor Marco Ferrari. Finalmente ritorna, tra i componenti, un prestigioso esponente dell’Odontoiatria italiana, che saprà mettere le sue preziose competenze al servizio del Ministro e della salute di tutti gli italiani”. 


Carlo Ghirlanda (ANDI): "Da troppo tempo la nostra disciplina era assente in seno ad un organismo così prestigioso della medicina italiana. Questa nomina conferma la crescita della odontoiatria nella considerazione del mondo medico e scientifico. Al Prof. Marco Ferrari le congratulazioni per il suo nuovo incarico e un fervido augurio di buon lavoro da parte dei componenti della ‘Cabina di regia’, auspicando che anche questo momento porti ad un ulteriore progresso del progetto di cambiamenti da tempo già avviato da tutte le forze di rappresentanza odontoiatrica italiane”. 


Fausto Fiorile (AIO): “L’Odontoiatria in Consiglio Superiore di Sanità, che il collega Ferrari valente ricercatore certo saprà rappresentare al meglio, è un passo importante. Denota grande attenzione di questo Governo alla nostra disciplina, e forse apre – è quanto ci auguriamo – alla possibilità di trattare nel CSS come temi di interesse “di tutti” questioni chiave di attualità professionale già valutate nel gruppo tecnico odontoiatria del Ministero, e spesso legate a normative europee di massima importanza.       

Articoli correlati

Il ministro della Salute, Giulia Grillo, ha firmato oggi il decreto di nomina dei 30 membri non di diritto del Consiglio Superiore di Sanità. “La squadra è finalmente pronta e sono molto...


Un altro tassello per l'approvazione del profilo dell'ASO (Assistente di Studio odontoiatrico) è arrivato ieri con il parere positivo del Consiglio Superiore di Sanità.Secondo quanto...


Non è consentito pubblicizzare la visita gratuita, se non in situazioni particolari. E’ questo quanto deciso dalla Commissione Centrale Esercenti delle Professioni Sanitarie in merito al ricorso...


“Gravi irregolarità igienico sanitarie”. E’ questa la motivazione con la quale il Comune di Modena, attraverso un’ordinanza, ha disposto la sospensione dell’autorizzazione sanitaria del...


Egregio Direttore,Prendo spunto dalla recente notizia di un chirurgo che operava da anni, stimato da tutti, che aveva  in cura numerosi pazienti ma non aveva mai conseguito la...


Altri Articoli

Poco più della metà della popolazione europea (55%) ha dichiarato che nel 2017 le spese mediche sostenute non sono state un peso dal punto di vista economico. I dati arrivano dalla ricerca annuale...


Da sx: Chiarello; Biancucci; Pallotta; Di Michele

Il SUSO, lo storico sindacato degli ortodontisti in occasione del convegno sull’approccio disciplinare sull’OSAS svoltosi lo scorso fine settimana ad Ascoli Piceno, ha rinnovato il proprio gruppo...


Un diplomato odontotecnico di 57 anni è stato denunciato dal Nas di Milano per esercizio abusivo della professione odontoiatrica. Secondo quanto riporta la stampa locale la denuncia sarebbe...


Non è consentito pubblicizzare la visita gratuita, se non in situazioni particolari. E’ questo quanto deciso dalla Commissione Centrale Esercenti delle Professioni Sanitarie in merito al ricorso...


Dall'1 gennaio 2019 sono entrate in vigore le nuove norme in materia di pubblicità dei servizi sanitari contenute ai commi 525 e 536 dell’art. 1 della Legge 30 dicembre 2018 n. 145 (Legge di...


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Corsi ECM

 
 

Libri

 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi