HOME - Approfondimenti
 
 
05 Marzo 2019

Iper-ammortamento, il MISE apre alla Sanità 4.0. Ecco le tecnologie odontoiatriche che potrebbero essere agevolabili e chi può usufruirne


Il MISE apre i benefici dell’iper-ammortamento anche alla “sanità 4.0” ovvero determinate tipologie di beni individuati nella circolare 48160.Per il settore odontoiatrico potranno essere interessate le “apparecchiature per la diagnostica per immagini”. 

Secondo la classificazione del MISE in questa categoria “possono ricomprendersi tutte le apparecchiature per la c.d. medical imaging – vale a dire, l’insieme delle tecniche e dei processi che concorrono alla creazione di immagini del corpo umano con finalità diagnostiche – e che si differenziano tra loro, principalmente, in ragione del tipo di sorgente di energia utilizzata per l’esecuzione del processo di indagine: radiazioni ionizzanti, campi magnetici, ultrasuoni, fenomeni ottici”. 

Ovviamente la classificazione del MISE indica le caratteristiche ed occorrerà che i produttori verifichino se queste sono compatibili con le loro attrezzature rispettano i requisiti indicati. Per beneficiare dell'iper-ammortamento il soggetto interessato deve produrre una dichiarazione del rappresentante legale dell'impresa, che attesti che il bene possiede le caratteristiche tecniche di cui alla Legge di Bilancio 2017 e che è interconnesso al sistema aziendale di gestione. Già oggi per determinati strumenti, ad esempio molte apparecchiature Cad Cam ma anche particolari sistemi di sterilizzazione, il produttore ha fatto “certificare” da un apposito Ente che le proprie apparecchiature rientrano tra quelle che possono usufruire dell’iper ammortamento.  

In cosa consiste l’agevolazione e chi è escluso 

L'iper ammortamento: consiste in una maggiorazione del 250% del costo di acquisto di determinati beni strumentali, ma può essere utilizzato esclusivamente ai soggetti titolari di reddito di impresa, esclusi quindi i liberi professionisti. Quindi si per i laboratori odontotecnici e le società di capitale odontoiatriche, no ai dentisti liberi professionisti. 



Articoli correlati

approfondimenti     18 Marzo 2019

Pollifrone (CAO Roma):

"C'è grande soddisfazione da parte nostra e da parte di tutti i presidenti CAO".A dirlo è Brunello Pollifrone (nella foto), presidente CAO Roma, che commenta la sentenza del Tar della Liguria che...


Dopo la vicenda che ha toccato la clinica Ideasorriso di Modena l’associazione Federconsumatori ha stilato un decalogo rivolto “ai pazienti–consumatori, dove sono elencate le cautele che...


La Giornata Mondiale Sonno, giunta alla dodicesima edizione, è un evento che ogni anno (il venerdì prima dell’equinozio di primavera, domani 15 marzo) World Association of Sleep Medicine...


In linea con le dichiarazioni del presidente Nazionale FNOMCeO Filippo Anelli il SUSO esprime contrarietà alla proposta di legge del deputato Francesco D'Uva con iniziale percorso formativo comune...


Altri Articoli

Con la risposta all’interpello 78/2019 l’Agenzia delle Entrate torna sul tema della fatturazione elettronica per le prestazioni sanitarie ribadendo il divieto di emettere e-fattura (il divieto è...


E’ di ieri la notizia riportata da Odontoiatria33 della richiesta/diffida di SIASO, inviata ai sindacati che hanno sottoscritto il contratto CSO, di ufficializzare quali sono le mansioni e la...


Il rischio Legionella preoccupa gli amministratori locali e sono molti i Comuni che hanno attivato iniziative di prevenzione e controllo verso le attività a rischio. Il Comune di Battipaglia,...


Gianfranco Berrutti già presidente UNIDI ed attuale vice presidente dell’Unione Industrie Dentali Italiane è stato eletto alla presidenza della FIDE (European Dental Industry), la Federazione...


Si è conclusa sabato 16 marzo l'International Dental Show (IDS) a Colonia in Germania. Come sempre importanti i numeri della manifestazione a cominciare dalle 2.300 aziende presenti su di un’area...

di Davis Cussotto


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Corsi ECM

 
 

Libri

 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi