HOME - Conservativa
 
 
02 Maggio 2017

Incappucciamento pulpare: una sfida continua per gli odontoiatri. Due studi clinici sul tema

di Massimo Gagliani


In tempi recenti si è fatto un gran parlare di odontoiatria rigenerativa, tuttavia il solo conservare la struttura dentale rappresenta una delle sfide che ogni odontostomatologo deve affrontare nella quotidianità, particolarmente quando si tratta di pazienti giovani, in cui la prospettiva di impiego degli elementi dentali permanenti è particolarmente lunga.


Il processo di rimozione della lesione cariosa sovente determina la scopertura di una piccola parte della polpa dentale: la decisione di effettuare un incappucciamento pulpare o una terapia canalare rappresenta per il clinico un momento di grande incertezza.


I due studi che presentiamo nella circostanza possono essere rappresentativi di alcune delle situazioni cliniche e, soprattutto, dei mezzi che si potrebbero utilizzare per ottenere un miglior risultato quando si effettua una procedura di incappucciamento pulpare.

Studio 1

Nello studio preso in considerazione gli autori hanno seguito longitudinalmente per circa tre anni 193 pazienti in cui erano stati effettuati 204 incappucciamenti pulpari.

I criteri di valutazione del successo o del fallimento della terapia erano di tipo radiografico; ovvero, se sull'elemento dentale, in cui era stato effettuato il processo di protezione della polpa, si riscontravano lesioni radiotrasparenti periapicali di origine endodontica, oppure segni di trattamento canalare la terapia in questione veniva considerata fallimentare. In caso contrario si attribuiva all'elemento dentale un valore prognostico positivo.

Il successo riscontrato in questo studio sperimentale è stato pari al 59. 3%. Tuttavia, il successo è apparso molto più evidente nelle esposizioni meccaniche accidentali della polpa rispetto quelle di origine cariosa (92,2% vs 33,3%).

Il risultato finale è stato più favorevole quando si sono effettuati dei restauri di tipo definitivo; le lesioni di tipo occlusale avevo una percentuale di successo nettamente superiore se paragonate a quelle di tipo interprossimale; tra queste ultime lesioni, le mesio-occluso-distali (MOD) erano quelle con percentuale di successo inferiore, pari al 28,6%.

Conclusioni

Sebbene questo studio sia stato condotto da odontoiatri non molto esperti, la percentuale di successo registrata - con procedure di protezione della polpa - nelle lesioni cariose che coinvolgono la struttura pulpare risulta essere talmente bassa da sconsigliare l'intervento di incappucciamento pulpare.

Studio 2

Un'ipotesi alternativa alle procedure tradizionali di incappucciamento pulpare può venire dall'utilizzo del laser; in una revisione sistematica apparsa sul Journal of the American Dental Association (JADA), sono stati presi tutti gli studi che comprendessero l'impiego del laser in questo di cui procedura. La percentuale di successo riscontrata è stata molto vicina al 90% mentre è apparsa del 67. 2% nei gruppi di controllo.

Questo risultato potrebbe dischiudere nuovi orizzonti che potrebbero essere particolarmente interessanti soprattutto nei pazienti giovani in cui l'opportunità di salvare la polpa dentale rappresenta una scelta non derogabile da parte dell'odontoiatra.

Introduzione

In uno studio multicentrico gli autori hanno preso in esame due modalità di incappucciamento pulpare: una che prevedeva l'impiego di MTA (Mineral Trioxide Aggregate) e l'altra invece che si avvaleva del tradizionale idrossido di calcio.

Sono stati arruolati 70 pazienti adulti tra i 18 e i 55 anni e controllati per 36 mesi. L'obiettivo primario è stato quello di esaminare la sopravvivenza delle polpe esposte così trattate, a corollario si è analizzata la sensibilità post-operatoria.

Risultati

A 36mesi, la sopravvivenza registrata nel gruppo MTA è stata pari all' 85% mentre è stata del 52% nel gruppo trattato con liner a base di idrossido di Calcio (P=0.006). Non c'è stata alcuna differenza significativa nella sensibilità postoperatoria in relazione al tipo di materiale impiegato.

Conclusioni

Il Mineral Trioxide Aggregate (MTA) si è dimostrato migliore rispetto all'idrossido di calcio tradizionale nel trattamento delle polpe esposte in denti molari pazienti adulti

 

A cura di: Massimo Gagliani, Coordinatore Scientifico Area odontoiatrica Edra

Per approfondire:

1) . Al-Hiyasat AS1, Barrieshi-Nusair KM, Al-Omari MA. J Am Dent Assoc. 2006 Dec;137(12):1699-705.

2) . Deng Y, Zhu X, Zheng D, Yan P, Jiang H. J Am Dent Assoc. 2016 Dec;147(12):935-942.

3) . Kundzina R1, Stangvaltaite L1, Eriksen HM1, Kerosuo E1. Int Endod J. 2016 Nov 7. doi: 10.1111/iej.12719. [Epub ahead of print]

Articoli correlati

Specialmente negli anni passati, di fronte a carie profonde vicine alla polpa dentaria vi era l’abitudine di posizionare sotto l’otturazione un sottofondo o liner di idrossido...

di Lara Figini


L'incappucciamento diretto della polpa è un trattamento mirato a salvaguardare la vitalità della polpa dentaria.Il fallimento di questo trattamento è stato attribuito alla...


L’esposizione dell’organo pulpo-dentinale durante le manovre di rimozione del tessuto cariato non necessariamente deve condurre al trattamento endodontico dell’elemento dentale interessato. Il...


Molti studi descrivono l’uso dei sistemi adesivi direttamente a contatto della polpa. Pochi però sono quelli che riguardano l’uomo. Scopo di questo lavoro è valutare la tecnica...


È stata trattata la terapia della polpa vitale, facendo chiarezza sul significato del termine incappucciamento indiretto. È stato rimarcato come quest’ultima metodica possa essere presa in...


Altri Articoli

Poco più della metà della popolazione europea (55%) ha dichiarato che nel 2017 le spese mediche sostenute non sono state un peso dal punto di vista economico. I dati arrivano dalla ricerca annuale...


Da sx: Chiarello; Biancucci; Pallotta; Di Michele

Il SUSO, lo storico sindacato degli ortodontisti in occasione del convegno sull’approccio disciplinare sull’OSAS svoltosi lo scorso fine settimana ad Ascoli Piceno, ha rinnovato il proprio gruppo...


Un diplomato odontotecnico di 57 anni è stato denunciato dal Nas di Milano per esercizio abusivo della professione odontoiatrica. Secondo quanto riporta la stampa locale la denuncia sarebbe...


Non è consentito pubblicizzare la visita gratuita, se non in situazioni particolari. E’ questo quanto deciso dalla Commissione Centrale Esercenti delle Professioni Sanitarie in merito al ricorso...


Dall'1 gennaio 2019 sono entrate in vigore le nuove norme in materia di pubblicità dei servizi sanitari contenute ai commi 525 e 536 dell’art. 1 della Legge 30 dicembre 2018 n. 145 (Legge di...


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Corsi ECM

 
 

Libri

 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 
 
 
http://farm-pump-ua.com

http://medicaments-24.net

У нашей компании нужный веб портал с информацией про Кломид farm-pump-ua.com/