HOME - Cronaca
 
 
15 Novembre 2017

Legge di Bilancio, emendamento tende equiparare Fondi DOC e non DOC. Il Sen. Sacconi accoglie le richieste ANDI


A sollevare la disparità normativa era stato il prof. Sabino Cassese (Giudice Emerito della Corte dei Costituzionale) durante il workshop organizzato da ANDI al Ministero della Salute per fare il punto sui Fondi integrativi. Oggi, aveva spiegato il prof. Cassese, "i vari interventi legislativi sul tema dei fondi hanno di fatto creato due modelli di sanità integrativa che la norma iniziale non contemplava. Da una parte i cittadini strutturati con contratto di lavoro che possono ottenere le agevolazioni e l'assistenza attraverso i Fondi non DOC (circa 20 milioni di italiani) che si rifanno alle norme tributarie e dall'altra tutti gli altri cittadini (circa 40 milioni) che potrebbero accedere ai Fondi DOC regolamentati, però, da norme sanitarie che risultano inapplicabili al settore odontoiatrico. In ballo la possibilità o meno di beneficiare dei vantaggi fiscali previsti dalla normativa".

A cercare di porre un rimedico auspicato anche dallo stesso Ministro della Salute On. Beatrice Lorenzin durante l'evento, è stato il senatore Maurizio Sacconi che ha presentato un emendamento ad hoc alla Legge di Bilancio che prevede una equiparazione dei fondi sanitari integrativi cosiddetti DOC a quelli non DOC.

"Allo stato attuale - spiega in una nota il presidente dell'ANDI, Gianfranco Prada - solamente i lavoratori dipendenti ed i loro familiari possono godere delle agevolazioni fiscali offerte dai contratti di lavoro usufruendo dalla sanità integrativa contrattuale dei Fondi non DOC, con molte limitazioni, sprechi di risorse e inappropriatezza delle cure. Il resto della popolazione, ovvero la maggioranza, non ha la possibilità di accedere al secondo pilastro della sanità integrativa, soprattutto per l'odontoiatria, col paradosso che i fondi DOC dedicati, che prevedono sgravi fiscali, non possono operare".

L'emendamento punta, quindi, ad allineare i due tipi di fondi integrativi, consentendo a tutti i cittadini di accedere alla sanità integrativa.

"Ringrazio il senatore Sacconi per questo emendamento molto importante che ha l'obiettivo di consentire a quei 5 milioni di italiani che non si curano i denti di poterlo fare", conclude Prada.

Articoli correlati

Sabato 9 marzo, a un mese dalla ricorrenza di Sant'Apollonia, patrona dei Dentisti, si terrà la Festa del tesseramento per festeggiare i nuovi iscritti...


Su Odontoiatria33 è apparso un articolo a firma del direttore Norberto Maccagno secondo il quale il vero punto dello scontro tra il SIASO Confsal e ANDI in relazione alla nuova figura del CSO sono...


Con la nomina del prof. Marco Ferrari, un odontoiatra torna tra i membri nominati del Consiglio Superiore della Sanità dopo il dott. Roberto Callioni ed il prof. Enrico Gherlone, gli altri due...


“Non è accettabile che una persona sieropositiva sia cacciata da uno studio odontoiatrico perché non in grado di "gestire un paziente con Hiv". La denuncia di Fanpage.it che ringrazio,...


Dopo l’annuncio da parte di ANDI della possibilità di assumere nello studio odontoiatrico una nuova figura professionale, quella del Collaboratore Studio Odontoiatrico ne è nato un dibattito che...


Altri Articoli

Poco più della metà della popolazione europea (55%) ha dichiarato che nel 2017 le spese mediche sostenute non sono state un peso dal punto di vista economico. I dati arrivano dalla ricerca annuale...


Da sx: Chiarello; Biancucci; Pallotta; Di Michele

Il SUSO, lo storico sindacato degli ortodontisti in occasione del convegno sull’approccio disciplinare sull’OSAS svoltosi lo scorso fine settimana ad Ascoli Piceno, ha rinnovato il proprio gruppo...


Un diplomato odontotecnico di 57 anni è stato denunciato dal Nas di Milano per esercizio abusivo della professione odontoiatrica. Secondo quanto riporta la stampa locale la denuncia sarebbe...


Non è consentito pubblicizzare la visita gratuita, se non in situazioni particolari. E’ questo quanto deciso dalla Commissione Centrale Esercenti delle Professioni Sanitarie in merito al ricorso...


Dall'1 gennaio 2019 sono entrate in vigore le nuove norme in materia di pubblicità dei servizi sanitari contenute ai commi 525 e 536 dell’art. 1 della Legge 30 dicembre 2018 n. 145 (Legge di...


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Corsi ECM

 
 

Libri

 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 
 
 
https://buysteroids.in.ua

cialis-viagra.com.ua

дженерик сиалис инструкция по применению