HOME - Cronaca
 
 
26 Febbraio 2018

CCEPS nuovamente nel caos

Il Consiglio di Stato boccia la nomina dei componenti ministeriali, a rischio i procedimenti di ricorso

Norberto Maccagno

Il Consiglio di Stato boccia nuovamente la nomina dei due componenti ministeriali presso la Commissione Centrale per gli Esercenti le Professioni Sanitarie avvenuta a seguito della sentenza della Corte Costituzionale, del 2016, che giudicava incostituzionale l'articolo del Dlgs.cps del 1946 che prevede la nomina di due componenti designati dal Ministero della Salute, che sceglieva i "giudici" tra i suoi funzionari. A rivolgersi alla Consulta era stato un dentista libanese che si era visto rifiutare il riconoscimento della laurea siriana in Italia, e di conseguenza rifiutare dall'OMCeO di Milano l'iscrizione all'Albo degli odontoiatri, ed era appellato alla CCEPS vedendosi respinto il ricorso.   

Con la sentenza del 2016, la Corte Costituzionale aveva giudicato incostituzionale l'articolo 17 decreto legislativo del Capo provvisorio dello Stato 13 settembre 1946, n. 233 (Ricostituzione degli Ordini delle professioni sanitarie e per la disciplina dell'esercizio delle professioni stesse) che prevede la "nomina di due componenti di derivazione ministeriale della Commissione Centrale per gli Esercenti le Professioni Sanitarie". Per i Giudici tale nomina potrebbe minare "l'indipendenza e imparzialità" che "devono colorare l'azione giurisdizionale" in quanto il Ministero della salute è anche parte del procedimento. In sostanza il Ministero è, contemporaneamente, giudice e parte in causa.   

Dopo un anno di stallo il Ministero della Salute aveva provveduto a rinominare la nuova CCEPS inserendo tra i suoi componenti, nella parte in cui “su designazione del Consiglio Superiore di Sanità” il dott. Giuseppe Celotto componente effettivo e il dott. Giovanni Leonardicomponente supplente.  

Dopo la nomina, ad impugnare il provvedimento, è questa volta un medico chirurgo iscritto all’Ordine dei medici chirurghi e odontoiatri della provincia di Agrigento, che è stato prima sospeso e poi radiato dall’albo in dipendenza di un procedimento penale che si è concluso con la condanna definitiva dell’imputato. Il provvedimento di radiazione del 6 marzo 2013, comunicato il 15 marzo successivo, è stato impugnato dall’interessato con ricorso alla Commissione centrale per gli esercenti delle professioni sanitarie che nel frattempo aveva cambiato i suoi componenti.  

La Corte Costituzionale, con la sentenza pubblicata in questi giorni, ha dato ragione al medico di Agrigento ritenendo che essendo i due componenti ministeriali, comunque funzionari del Ministero della Salute anche se non più direttamente in quanto al CSS, potrebbero non garantire l’indipendenza della CCEPS.   

Per rendere operativa la CCEPS serve ora un nuovo decreto di nomina e nel mentre i provvedimenti disciplinari per cui l’iscritto ha proposto ricorso potranno essere nuovamente sospesi in attesa che la Commissione Centrale possa pronunciarsi. 

Nel frattempo se l’iscritto, sanzionato o radiato, ha proposto ricorso, potrà continuare ad esercitare la professione.       

Articoli correlati

Non è consentito pubblicizzare la visita gratuita, se non in situazioni particolari. E’ questo quanto deciso dalla Commissione Centrale Esercenti delle Professioni Sanitarie in merito al ricorso...


Dopo due anni di inattività per via della sentenza della Corte Costituzionale che aveva giudicato incostituzionale la nomina di alcuni componenti, nel marzo scorso il Ministero ha nominato la...


Si è insediata oggi lunedì 13 marzo al Ministero della Salute, la Commissione centrale per gli esercenti le professioni sanitarie (CCEPS), ricostituita con decreto del Presidente del...


Inoperativa da tempo e "ufficialmente" giudicata incostituzionale per via della nomina di alcuni dei suoi componenti dalla Corte di Cassazione nell'ottobre dello scorso anno, dopo le pressioni di...


La notizia della sentenza della Cassazione che ha "sospeso" l'espulsione di un iscritto all'Albo degli odontoiatri in attesa che possa occuparsene la CCEPS (vedi Odontoiatria33), ha confermato il...


Altri Articoli

Poco più della metà della popolazione europea (55%) ha dichiarato che nel 2017 le spese mediche sostenute non sono state un peso dal punto di vista economico. I dati arrivano dalla ricerca annuale...


Da sx: Chiarello; Biancucci; Pallotta; Di Michele

Il SUSO, lo storico sindacato degli ortodontisti in occasione del convegno sull’approccio disciplinare sull’OSAS svoltosi lo scorso fine settimana ad Ascoli Piceno, ha rinnovato il proprio gruppo...


Un diplomato odontotecnico di 57 anni è stato denunciato dal Nas di Milano per esercizio abusivo della professione odontoiatrica. Secondo quanto riporta la stampa locale la denuncia sarebbe...


Non è consentito pubblicizzare la visita gratuita, se non in situazioni particolari. E’ questo quanto deciso dalla Commissione Centrale Esercenti delle Professioni Sanitarie in merito al ricorso...


Dall'1 gennaio 2019 sono entrate in vigore le nuove norme in materia di pubblicità dei servizi sanitari contenute ai commi 525 e 536 dell’art. 1 della Legge 30 dicembre 2018 n. 145 (Legge di...


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Corsi ECM

 
 

Libri

 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 
 
 
курс метана

защита картера sheriff

adulttorrent.org/search/jerky girls