19 Febbraio 2015

Semplicità ed efficacia d’impiego di due dispositivi per il prelievo di osso particolato: strumento piezoelettrico e scraper osseo


Obiettivi. Il prelievo intraorale di osso autologo particolato può essere eseguito con numerose metodiche, tra cui l'utilizzo di strumenti piezoelettrici e bone scraper. Scopo di questo studio è stato paragonare in vitro l'efficacia in termini di quantità (peso nell'unità di tempo) di uno strumento piezoelettrico e di un bone scraper e valutare se la quantità raccolta attraverso le due metodiche fosse condizionata dall'esperienza dell'operatore.

Materiali e Metodi. Sono stati eseguiti, in totale, 40 prelievi di osso particolato su corticale di osso lungo di origine equina mediante bone scraper (Micross®, Meta, Reggio Emilia) e strumento chirurgico piezoelettrico (Piezosurgery III®, Mectron SpA, Carasco, Genova). I prelievi sono stati realizzati da due differenti gruppi di operatori: gruppo A, esperti; gruppo B, non esperti. Ogni prelievo è stato effettuato in un tempo predefinito (60 s) ed è stato successivamente disidratato e pesato. I dati ottenuti sono stati sottoposti ad analisi statistica di tipo descrittivo e confrontati con il test di Wilcoxon assumendo varianze diverse (significatività al 5%). Il gruppo A ha poi eseguito altri prelievi (40 in totale) al fine di paragonare il rendimento, in mani esperte, nell'unità di tempo, in termini di quantità di osso prelevato (analisi con test di Student, considerato significativo per p < 0,05).

Risultati. La quantità media di osso particolato raccolto con lo strumento piezoelettrico è stata significativamente inferiore rispetto al bone scraper (p < 0,05). Tra i dati raccolti per il bone scraper si è riconosciuto inoltre un valore di "moda" non presente tra i dati raccolti per il piezoelettrico.

Conclusioni. L'utilizzo del bone scraper permette il prelievo in vitro di una quantità significativamente maggiore di osso particolato rispetto allo strumento piezoelettrico e appare come una metodica meno operatore-dipendente.



 
 
 
 
 
 

Speciale in Evidenza


28 Giugno 2018
Nuove acquisizioni in tema di placca batterica: come modificarla per renderla meno aggressiva

Il microbiota orale: i mezzi per diminuirne la patogenicità al fine di salvaguardare tessuti dentali e parodontali

 
 
 
 
 
 

Corsi ECM

 
 

Libri

 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 
 
 
https://steroid.in.ua

pills24.com.ua

http://gepatite.com