HOME - Farmacologia
 
 
26 Aprile 2018

Sedazione cosciente con protossido d’azoto

Quanto è efficace e quanto evita l’anestesia generale?

di Lara Figini


Spesso l’odontoiatra si trova di fronte a casi difficili da gestire, o per ansia eccessiva del paziente o perché di fronte a soggetti pediatrici poco collaboranti, pazienti con disabilità o con problematiche cardiocircolatorie di un certo livello in cui si devono prevenire emergenze mediche.

In questi casi si è rivelato molto efficace l’impiego della sedazione cosciente, che allo stato attuale risulta ampiamente utilizzata e ben definita in protocolli specifici e consente di evitare di ricorrere all’anestesia generale, molto più invasiva. Questa metodica, oltre a essere efficace, ha il grande pregio di essere molto sicura e facilmente gestibile in ambito ambulatoriale.

La sedazione cosciente tramite protossido d’azoto N2O/O2 ha un’azione sia analgesica che ansiolitica e causa, a livello del sistema nervoso centrale (SNC), depressione ed euforia con effetti trascurabili sul sistema respiratorio e cardiocircolatorio.

Tipologia di ricerca e modalità di analisi

In uno studio clinico pubblicato sul British Dental Journal di marzo 2018 è stata studiata l’utilità della sedazione cosciente con protossido d’azoto soprattutto indagando quanto questa metodica possa evitare di ricorrere all’anestesia generale.

I dati sono stati raccolti per un periodo di 2 anni e 2 mesi in un campione di 118 bambini e giovani adulti, riferiti al WCDC della West Cornovaglia. I criteri di inclusione sono stati:

● pazienti senza disabilità dell'apprendimento;

● pazienti di età compresa tra quattro e 18 anni;

● pazienti con livelli d'ansia da lieve a moderata verso i trattamenti dentali;

● pazienti disposti a sottoporsi a sedazione cosciente con protossido d’azoto RA (Analgesia Relativa).

Risultati

I risultati hanno mostrato che dei 118 pazienti l'88% è stato gestito con RA. Sono state evitate un totale di 105 anestesie generali e 141 denti sono stati restaurati, piuttosto che estratti, grazie a questa metodica.

Conclusioni

Dallo studio si evince che la sedazione cosciente con protossido d’azoto RA è un'alternativa efficace all’anestesia generale e che grazie a questa metodica un numero di denti può essere curato invece che estratto. È anche emerso che RA ha un tasso di morbilità trascurabile.

Implicazioni cliniche

Nei soggetti con ansia lieve e moderata e nei bambini l’ausilio della sedazione mediante protossido d’azoto può semplificare la gestione all’odontoiatra, permettendogli di eseguire dei trattamenti conservativi - piuttosto che estrattivi - con maggiore frequenza evitando l’anestesia generale che per il paziente risulta sicuramente più invasiva.

Per approfondire:

  • Souto P, Robb N. British Dental Journal 2018;224(6):429-33.

Altri Articoli

A fronte di un calo generale degli omicidi, in Italia il tragico fenomeno del femminicidio non accenna a diminuire. Si stima che, in media, ogni 72 ore una donna muoia di morte violenta, generalmente...


Dal cerotto al pace maker, ma anche ai dispositivi in uso agli operatori del settore dentale come tutti gli altri dispositivi medici potranno rimanere in commercio solo se attraverseranno rapidamente...


Le difficoltà di trovare non solo strutture pubbliche che offrano assistenza odontoiatrica ma anche private, è uno dei fattori principali che limitano le cure per i cosiddetti “pazienti...


Ieri 22 aprile si è celebrata la Giornata Mondiale della Terra. In queste settimane i temi della tutela dell’ambiente hanno attirato l’attenzione dei media italiani anche grazie alla presenza...


Competenza, tecnica, empatia sono alla base della professione. Ma anche la comunicazione rappresenta oggi uno dei percorsi obbligati con i quali il dentista deve confrontarsi....

di Carla De Meo


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Corsi ECM

 
 

Libri

 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
ковры продажа киев

купить ковер в украине недорого

https://maxformer.com