HOME - Implantologia
 
 
24 Maggio 2017

Riabilitazione di premolare superiore con pilastri XA

di Xavier Rodriguez Ciurana e Xevier Vela Nebot


Il caso presenta la riabilitazione di un premolare superiore interessato dal fallimento di un trattamento endodontico in una paziente donna di 37 anni, non fumatrice e con una buona igiene.

A seguito dell'analisi radiografica viene pianificata l'estrazione atraumatica del premolare con l'inserimento contestuale di un impianto Shelta. La riabilitazione immediata viene eseguita con un pilastro XA per protesi avvitata, su cui viene fissato un provvisorio realizzato in laboratorio secondo i principi dei profili di emergenza della tecnica B.O.P.T.

Il caso

Donna, 37 anni, non fumatrice, con una buona igiene, si presenta in studio con un fallimento del trattamento endodontico dell'elemento 1.4.

  • 1. Caso iniziale: il fallimento endodontico rende necessaria l’estrazione dell’elemento 1.4, operazione complicata dato che la parete vestibolare si presenta sottile

  • 1. Caso iniziale: il fallimento endodontico rende necessaria l’estrazione dell’elemento 1.4, operazione complicata dato che la parete vestibolare si presenta sottile

  • 1. Caso iniziale: il fallimento endodontico rende necessaria l’estrazione dell’elemento 1.4, operazione complicata dato che la parete vestibolare si presenta sottile

  • 2. Estrazione atraumatica del premolare 1.4 mantenendo integre tutte le pareti dell’alveolo

  • 3. Successivamente l’alveolo viene disepitelializzato

  • 3. Successivamente l’alveolo viene disepitelializzato

  • 4. Inserimento 1 mm sottocrestale dell’impianto Shelta SL diametro 4.25 e altezza 10.00 mm, secondo il protocollo XA

  • 5. Pilastri XA per protesi avvitata

  • 6. Inserimento del pilastro XA per protesi avvitata: visione occlusale e vestibolare

  • 6. Inserimento del pilastro XA per protesi avvitata: visione occlusale e vestibolare

  • 7. Secondo la tecnica B.O.P.T., il provvisorio viene realizzato leggendo il margine sottogengivale per mezzo di uno sgusciato preformato eseguito dal laboratorio e ribasato con resina REEF. Il margine verrà prima riempito e poi fresato per ottenere un profilo idoneo a guidare i tessuti molli

  • 7. Secondo la tecnica B.O.P.T., il provvisorio viene realizzato leggendo il margine sottogengivale per mezzo di uno sgusciato preformato eseguito dal laboratorio e ribasato con resina REEF. Il margine verrà prima riempito e poi fresato per ottenere un profilo idoneo a guidare i tessuti molli

  • 10. Follow-up a due mesi: nella visione occlusale si apprezzano i tessuti molli, molto vascolarizzati

  • 10. Follow-up a due mesi: nella visione occlusale si apprezzano i tessuti molli, molto vascolarizzati

  • 11. Scelta del colore più adeguato della protesi

  • 13. Finalizzazione della corona avvitata definitiva su modello con gengiva rimovibile

  • 13. Finalizzazione della corona avvitata definitiva su modello con gengiva rimovibile

  • 14. Visione mesiale e distale della corona definitiva: i profili di emergenza che la caratterizzano seguono i principi della tecnica B.O.P.T.

  • 14. Visione mesiale e distale della corona definitiva: i profili di emergenza che la caratterizzano seguono i principi della tecnica B.O.P.T.

  • 15. Protesi definitiva avvitata in bocca al paziente: visione occlusale e vestibolare

  • 15. Protesi definitiva avvitata in bocca al paziente: visione occlusale e vestibolare

  • 16. Follow-up a 6 mesi: è evidente una notevole migrazione coronale del margine gengivale e delle papille

  • 17. Radiografia di controllo. Dopo un anno il tessuto osseo perimplantare non mostra alcun tipo di riassorbimento

  • 18. Dettaglio della riabilitazione a 12 mesi. I tessuti si mantengono stabili, con un ottimo aspetto del margine gengivale e delle papille interprossimali

Articoli correlati

Effetti della loro applicazione abbinata al trattamento chirurgico

di Lara Figini


I protocolli diagnostici e chirurgici giocano un ruolo fondamentale nel successo della riabilitazione implantoprotesica. La loro definizione deve essere chiara e fondata su...

di Danilo Alessio Di Stefano


Sempre più interventi implantari e meno visite preventive. A lanciare “l’allarme” verso un eccessivo ricorso a questi trattamenti è il Consejo de Dentistas spagnolo che invita i cittadini a...


L’evento del dentale, organizzato da UNIDI-Unione Nazionale Industrie Dentarie Italiane rappresenta un’occasione unica e imperdibile per i professionisti dell’oral care che...


Altri Articoli

Competenza, tecnica, empatia sono alla base della professione. Ma anche la comunicazione rappresenta oggi uno dei percorsi obbligati con i quali il dentista deve confrontarsi....

di Carla De Meo


L’obbiettivo è quello di venire incontro alle esigenze quotidiane dei clinici e per farlo SIdP ha sviluppato una App, Powerapp SIdP, che consente ad ogni clinico che stia eseguendo una visita...


L’obbligo di formazione continua decorre dal 1° gennaio successivo alla data di iscrizione all’Ordine. Da tale data il professionista sanitario deve maturare i crediti previsti per i residui...


Riuscire a rendere complicato un regime che è nato per essere semplice e di immediata applicazione non è certo impresa da tutti. Ciononostante il Legislatore ce l’ha fatta, tant’è che si sono...


Root Cause è il titolo del film inchiesta che vorrebbe dimostrare che i trattamenti endodontici possono essere causa di cancro, malattie al cuore e varie patologie croniche, ed il suggerimento...


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Corsi ECM

 
 

Libri

 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Dapoxetine sans ordonnance

www.steroid.in.ua

виагра женская таблетки