HOME - Implantologia
 
 
07 Giugno 2018

Parametri che influenzano la frattura di un impianto

Dati di uno studio in vitro

di Lara Figini


L’implantologia offre ormai risultati di alta qualità grazie ai recenti sviluppi tecnologici. La prognosi della resistenza meccanica di un impianto è fortemente influenzata da:

  • condizioni di carico durante la masticazione;
  • alcuni meccanismi fisiologici come l'osteointegrazione e il riassorbimento osseo;
  • alcune patologie e abitudini del paziente.

Il tempo di masticazione durante ogni pasto è stimato in media tra gli 8 e i 16 minuti, con un totale di 500.000/1 milione di cicli all'anno.

Le forze di masticazione cambiano in base a età, sesso e posizione del dente. Le forze applicate sui molari, per esempio, sono comprese tra 390 e 800 N, sui premolari e canini tra 208 e 288 N e sugli incisivi tra 155 e 200 N.

Ma quali sono le prestazioni meccaniche di un impianto? Come si può evitare o ritardare la frattura?

Tipologia di ricerca e modalità di analisi

In uno studio in vitro pubblicato su The Journal of Prosthetic Dentistry di aprile 2018, tramite l'analisi degli elementi finiti (FEA) viene valutata l'influenza dei parametri di progettazione sulle prestazioni meccaniche di un impianto in relazione alle condizioni di prova della norma ISO 14801.

Un impianto dentale endosseo è stato caricato in condizioni di test ISO 14801 mediante simulazione numerica, valutando 4 parametri:

  • area di contatto tra l'impianto e lo strumento di carico;
  • lunghezza dell’impianto;
  • profondità di inserzione dell'impianto nell’osso;
  • rigidità del materiale utilizzato per l’impianto.

L’analisi degli elementi finiti (FEA) è stata utilizzata per valutare la forza necessaria per raggiungere il cedimento dell'impianto e la sua resistenza alla frattura. 

Risultati

Dallo studio è emerso che il punto di frattura di un impianto dentale può essere aumentato del 41% migliorando la superficie di contatto masticante, del 20% in base al tipo di materiale, del 4% in base alla lunghezza della vite e dell'1,4% aumentando la profondità di inserzione dell'impianto nell’osso.

Conclusioni

In base alle prove di fatica in condizioni ISO 14801 si può concludere che la superficie di contatto è risultata essere il parametro principale che influenza le prestazioni meccaniche di un impianto.

Implicazioni cliniche

Alcuni parametri, come la superficie di contatto masticatorio, influenzano in modo importante la resistenza dell'impianto alla frattura. L'analisi degli elementi finiti deve essere considerata nel processo di progettazione degli impianti uno strumento prezioso per migliorare le loro prestazioni meccaniche complessive.

Per approfondire

de la Rosa Castolo G, Guevara Perez SV, ArnouxP-J, Badih L, Bonnet F, Behr M. . The Journal of Prosthetic Dentistry 2018;119(4):611-9.

Articoli correlati

eventi     01 Gennaio 2019

Master in implantologia protesica

Università degli studi di Torino


Le infezioni post-operatorie implantari sono considerate una complicanza rara, con una prevalenza che varia dall'1,6% all'11,5% e di solito si verificano entro il primo mese dopo...

di Lara Figini


Altri Articoli

Il 21mo Rapporto PIT Salute di Cittadinanzattiva, presentato nei giorni scorsi, ha nuovamente evidenziato le difficoltà dei cittadini di accedere alle cure per costi ma anche per i lunghi tempi di...


A Milano e Roma, con il professor Antonio Pelliccia


Nel pomeriggio di ieri 13 dicembre, la Camera ha convertito in legge il decreto Fiscale. Il testo approvato definitivamente - lo stesso votato in Senato- conferma all'articolo 10 bis l'esonero...


La partita iva era quella per la “coltivazione di cereali”, il diploma quello di odontotecnico ma lo hanno sorpreso mentre faceva il dentista in un locale adibito a studio odontoiatrico privo di...


Il nome dell’operazione, “Golden Tooth”, ricorda i film di 007 ma in questo caso nessun intrigo internazionale ma la scoperta dell’ennesimo abusivo.  A condurre l’indagine la Guardia di...


 
 
 
 
 
 

Speciale in Evidenza


28 Giugno 2018
Nuove acquisizioni in tema di placca batterica: come modificarla per renderla meno aggressiva

Il microbiota orale: i mezzi per diminuirne la patogenicità al fine di salvaguardare tessuti dentali e parodontali

 
 
 
 
 
 

Corsi ECM

 
 

Libri

 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 
 
 
www.steroid.in.ua/products/proviron-provimed-kupit

www.cialis-viagra.com.ua

http://medicaments-24.com