HOME - Implantologia
 
 
14 Novembre 2018

Infezione dei siti implantari nell’immediato post-operatorio. Quanto e come condiziona la prognosi dell’impianto 

di Lara Figini


Le infezioni post-operatorie implantari sono considerate una complicanza rara, con una prevalenza che varia dall'1,6% all'11,5% e di solito si verificano entro il primo mese dopo il posizionamento dell'impianto dentale.

I cambiamenti nella flora orale causati da antibatterici sistemici e topici utilizzati nel periodo dell’immediato post-operatorio possono favorire lo sviluppo di infezioni opportunistiche. Talvolta, tali complicazioni non rispondono positivamente alle terapie antibiotiche e spesso persistono fino alla rimozione dell'impianto.

Di conseguenza, le infezioni post-operatorie sono state suggerite come un importante fattore di rischio per l'osteointegrazione aumentando il rischio di fallimento precoce quasi di 80 volte.

Tipologia di ricerca e modalità di analisi
Uno studio di coorte retrospettivo pubblicato sul Journal of Periodontology di ottobre 2018 è stato condotto per determinare i fattori che possono aumentare il tasso di fallimento degli impianti dentali che hanno sviluppato un'infezione post-operatoria durante il periodo dell’osteointegrazione.

Sono stati analizzati 1322 pazienti ambulatoriali (2673 impianti) che sono stati trattati consecutivamente tra gennaio 2004 e ottobre 2015 attraverso il programma di laurea specialistica in Chirurgia orale e implantologia dell'Università di Barcellona. Il progetto dello studio ha seguito le linee guida STROBE per gli studi di coorte.

L'analisi pre-operatoria includeva esami clinici e radiografici (con radiografie panoramiche o tomografia computerizzata). Le infezioni post-operatorie sono state definite come la presenza di pus o fistole nell'area chirurgica, con dolore o gonfiore, arrossamento e rialzo febbrile, prima del carico protesico.

Un'analisi bivariata e multivariata dei dati utilizzando la regressione dei rischi proporzionali di Cox è stata eseguita per rilevare i fattori prognostici per il fallimento dell'impianto nei pazienti che hanno sviluppato infezioni.

Risultati
La prevalenza di infezioni post-operatorie dopo l'inserimento dell'impianto è risultata essere del 2,80%. 33 dei 37 pazienti (89,19%) che hanno sviluppato infezioni sono stati trattati chirurgicamente a causa del fallimento della terapia antibiotica e il 65% degli impianti infetti sono stati rimossi.

L'analisi bivariata ha mostrato un'associazione significativa tra fallimento dell'impianto e il tipo di superficie del collo (liscio o ruvido). La regressione dei rischi proporzionali di Cox ha rilevato che i colli con superficie ruvida aumentano di 2,35 volte la probabilità di fallimento degli impianti.

Conclusioni
Dai dati emersi da questo studio si può concludere che i pazienti che soffrono di un'infezione post-operatoria dopo il posizionamento dell'impianto dentale hanno una prognosi sfavorevole, con un tasso di sopravvivenza cumulativo del 33,5%.

La terapia chirurgica è necessaria per trattare l'89% delle infezioni, poiché la terapia antibiotica sistemica risulta insufficiente nella maggior parte dei casi. Gli impianti a collo ruvido dove si sviluppa un'infezione post-operatoria precoce sembrano essere più inclini a subire un fallimento precoce del dispositivo.

Implicazioni cliniche
La comparsa di infezione nel sito implantare nel periodo immediatamente successivo all’inserimento dell’impianto condiziona notevolmente la prognosi e il successo dello stesso, per cui l’operatore deve riporre tutte le attenzioni possibili per scongiurare questa evenienza.

Per approfondire

  • Camps‐Font O, Figueiredo R, Valmaseda‐Castellón E, Gay‐Escoda C. Postoperative infections after dental implant placement. Implant Dent 2015;24:713-9.
  • Nolan R, Kemmoona M, Polyzois I, Claffey N. The influence of prophylactic antibiotic administration on post‐operative morbidity in dental implant surgery. A prospective double blind randomized controlled clinical trial. Clin Oral Implants Res 2014;25:252-9.
  • Camps-Font O, Martín-Fatás P, Clé-Ovejero A, Figueiredo R, Gay-Escoda C, Valmaseda-Castellón E. . J Periodontol 2018 Oct;89(10):1165-73.

Articoli correlati

Al giorno d’oggi i pazienti con mascella completamente edentula possono beneficiare di diversi tipi di riabilitazione protesica. Una di loro è l’overdenture supportata da...

di Lara Figini


Le aspettativa di vita tendono sempre di più a prolungarsi e la popolazione con oltre 65 anni aumenta costantemente e, con essa, il tasso di incidenza di edentulismo...

di Lara Figini


Nelle aree parzialmente edentule l’implantologia vanta ormai un successo anche a lungo termine ampiamente stabilito, ma il risultato è influenzato da fattori...

di Lara Figini


Effetti della loro applicazione abbinata al trattamento chirurgico

di Lara Figini


I protocolli diagnostici e chirurgici giocano un ruolo fondamentale nel successo della riabilitazione implantoprotesica. La loro definizione deve essere chiara e fondata su...

di Danilo Alessio Di Stefano


Altri Articoli

“I dentisti non mirano a eseguire ‘punturine intorno agli occhi’ ma riaffermano, e con forza, le proprie prerogative e competenze professionali, per le quali sono stati formati e per le cui...


Faccio seguito all’interessante intervento in tema ASO di Maria Gaggiani, docente del Corso Reg. Marche.Condivido appieno il merito, ma emerge uno scontato riferimento all’ASO come “Professione...


La Corte dei Conti certifica la solidità dell’Enpam, che “ha conseguito nuovamente un risultato economico positivo”, e attesta  l’estinzione dell’esposizione ai titoli strutturati. A...


Tra le novità della Analisi Congiunturale 2019 presentata dal Servizio Studio ANDI durante Expodental Meeting, la fotografia del convenzionamento dei dentisti italiani con i Fondi...


Trovare soluzioni e risposte complete alle problematiche della clientela non è solo uno slogan, ma una costante che da oltre 40 anni anima il Gruppo Norblast, realtà...


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Corsi ECM

 
 

Libri

 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
станозолол

Kamagra

avanafil prezzo