HOME - Inchieste
 
 
06 Febbraio 2017

Università, non ancora assegnati il 20% posti ad odontoiatria. Ora il rischio e che si chiuda lo scorrimento lasciando liberi molti posti


A cinque mesi dalla data del test per accedere alle facoltà di medicina ed odontoiatria, ancora il 20% dei posti deve essere assegnato.

A lanciare l'allarme è una lettera inviata da alcuni studenti al MIUR ed alla politica in cui si chiede una proroga dello "scorrimento", lo strumento che consente al Ministero di assegnare i posti secondo la graduatoria unica nazionale. Solitamente il MIUR blocca le graduatorie con l'inizio della sessione di esame, potrebbe capitare tra qualche giorno.

A spiegare al telefono di Odontoaitria33 come funziona il meccanismo è Ale TB, pseudonimo utilizzato da uno degli studenti che tiene aggiornato il sito (un portale che aiuta a prepararsi per i test), che preferisce rimanere anonimo.

"I posti vengono assegnati in base alla graduatoria unica stilata dal MIUR sulla base dei risultati dei test. Nella sezione riservata sul portale Universitaly, gli studenti ai primi posti in graduatoria si vedono assegnare i posti in base alle scelte effettuate quando si sono iscritti. Se lo studente rinuncia, il posto passa allo studente successivo che ha 4 giorni di tempo per immatricolarsi, la cosa prosegue fino a che i posti in quell'ateneo non vengono completati".

La cosa si complica, ci spiega Ale TB quando finiscono le "prime scelte" e gli studenti cominciano a vedersi assegnati i posti in atenei indicati come secondari.

"Facciamo il caso che uno studente abbia scelto Cagliari come prima scelta e Sapienza come seconda", ci spiega. "Per via delle rinunce il nostro candidato raggiunge la possibilità di iscriversi alla Sapienza (la sua seconda scelta) mentre su Cagliari (la prima scelta) non c'è ancora posto, ma potrebbe liberarsi per via di altre rinunce. In questo caso il posto alla Sapienza viene "prenotato" ma lo studente non ha un limite temporale per accettarlo e di fatto aspetta fino al blocco della graduatoria per confermare o rinunciare, sperando che nel frattempo si liberi un posto nell'ateneo indicato come prima scelta".

Ma gli "incastri" sono ben più complicati visto che gli studenti possono indicare più atenei come scelte di ripiego.

E se quando le graduatorie vengono bloccate e lo studente decide che non può permettersi di trasferissi da Cagliari a Roma per studiare, rinuncia al posto che però, visto che la graduatoria è bloccata non verrà assegnato a nessuno.

La conseguenza, ora, è che moltissimi Atenei hanno posti prenotati ma non più posti assegnati (quelli che devono essere accettati nei 4 giorni e che permettano lo scorrimento delle graduatorie).

Stando ai dati resi disponibili da Testbuster solo l'Università Federico II ha un posto assegnato, che quindi può liberarsi, mentre gli altri 179 posti prenotati sono di fatto a rischio rinuncia e non assegnazione. Ed anche un 15° scorrimento non cambierebbe la situazione.

Oltre ai 25 prenotati alla Sapienza gli altri atenei che superano i dieci posti prenotati sono Firenze/Sinea (13), Roma Tor Vergata (13); L'Aquila (12); Foggia (11). Ad oggi gli unici atenei che hanno completato le immatricolazioni sono solo Bari e Catania,

Dopo i 14 scorrimenti gli ultimi studenti iscritti si erano classificati intorno alla posizione 11.400 ottenendo più di 61,2 punti.

 

Norberto Maccagno
 

Sull'argomento leggi anche:

Articoli correlati

Gentile direttore,in questi giorni si sta discutendo su quale sarà la soluzione migliore alla paventata carenza di medici che si verificherà nel prossimo futuro, ma nel dibattito appare del tutto...


Mettere in atto una corretta programmazione per garantire a ogni medico che si laurea una borsa di specializzazione o di formazione in Medicina generale; modificare i test di accesso, rendendoli più...


Il Cavitron Case Contest è un concorso che Dentsply Sirona organizza tra gli studenti dell’ultimo anno della facoltà di Igiene dentale I casi vincitori sono stati tre; di...


E’ lunedì 15 ottobre, a Palazzo Chigi si riunisce il Consiglio dei Ministri numero 23 per visionare, eventualmente discutere e poi approvare, tutti gli articoli contenuti nel Decreto fiscale,...


Altri Articoli

Poco più della metà della popolazione europea (55%) ha dichiarato che nel 2017 le spese mediche sostenute non sono state un peso dal punto di vista economico. I dati arrivano dalla ricerca annuale...


Da sx: Chiarello; Biancucci; Pallotta; Di Michele

Il SUSO, lo storico sindacato degli ortodontisti in occasione del convegno sull’approccio disciplinare sull’OSAS svoltosi lo scorso fine settimana ad Ascoli Piceno, ha rinnovato il proprio gruppo...


Un diplomato odontotecnico di 57 anni è stato denunciato dal Nas di Milano per esercizio abusivo della professione odontoiatrica. Secondo quanto riporta la stampa locale la denuncia sarebbe...


Non è consentito pubblicizzare la visita gratuita, se non in situazioni particolari. E’ questo quanto deciso dalla Commissione Centrale Esercenti delle Professioni Sanitarie in merito al ricorso...


Dall'1 gennaio 2019 sono entrate in vigore le nuove norme in materia di pubblicità dei servizi sanitari contenute ai commi 525 e 536 dell’art. 1 della Legge 30 dicembre 2018 n. 145 (Legge di...


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Corsi ECM

 
 

Libri

 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 
 
 
pills24.com.ua/viagra-sildenafil/viagra-100-mg/

buysteroids.in.ua/inekczionnyie-anabolicheskie-steroidyi/masteron/mastever.html

www.steroid.in.ua