HOME - Interviste
 
 
04 Aprile 2017

Intarsio, corona su dente devitalizzato e su impianto posteriore. Ecco i consigli sul trattamento da eseguire, e come eseguirlo, del prof. Nicola Scotti


La ricerca scientifica legata ai nuovi materiali dentali, sotto la spinta del CAD CAM, ha fatto crescere il ventaglio delle possibilità a disposizione del clinico quando deve restaurare un elemento dentale. Quali scelte affrontare? Come orientarsi nella pratica di ogni giorno?

Per dare una risposta a questi quesiti abbiamo chiesto a Nicola Scotti, docente di restaurativa presso la Dental School di Torino, come si comporta nel suo studio nell'affrontare 4 casi clinici di ordinaria odontoiatria.

1) Intarsio su di un posteriore per rifacimento di una amalgama occlusio-mesio-distale

Quando è possibile preferisco il restauro diretto. Se ci sono le indicazioni per l'intarsio scelgo il composito per il dente vivo e il disilicato per il devitalizzato. Preferisco il CAD CAM perchè con un buon tecnico riesco ad avere punti di contatto migliori. Il vantaggio del CAD CAM è strutturale: i materiali ceramici hanno migliori capacità meccaniche e un ottimo fitting. I composti pagano un piccolo dazio all'estetico anche se relativo poichè siamo nelle zone posteriori. I disilicati invece possono essere facilmente pitturati con eccellenti risultati estetici.

2) Corona singola su un premolare devitalizzato:

Premesso che se decido di fare una corona non ho più materiale smalteo residuo per un restauro parziale, ritengo che oggi tutti i materiali protesici vanno lavorati in CAD CAM.
La scelta del materiale dipende se riesco o meno a fare la cementazione adesiva tout court con l'utilizzo della diga. Per questo distinguo due situazioni:

A) margine a spalla che consente l'inserimento della diga, prediligo allora il disilicato monolitico CAD CAM;

B) margini verticali , con cementazione senza diga sono più propenso alla zirconia monolitica quando ho problemi di spazio .

Sui molari dove non abbiamo esigenze di translucenza meglio la sottostruttura CAD CAM in cromocobalto poi ceramizzata.
Non amo le cappette in zirconia da ceramizzare poichè fanno aumentare solo i costi senza alcun vantaggio reale.

3) Corona singola su incisivo devitalizzato

Sul dente anteriore,se posso usare la diga per cementare, prediligo il disilicato CAD CAM o pressostampato . In caso contrario faccio preparare una zirconia monolitica CAD CAM , come sottostruttura con faccia palatina lavorante, che poi ceramizzo a livello vestibolo - occlusale con una Feldspatica stratificata per avere una eccellente resa estetica.
Non mi fido utilizzare le monolitiche in zirconia sugli anteriori, poichè nella mia esperienza, ho notato una perdita di colore dopo soli due anni.
Negli ultimi mesi ho fatto alcuni lavori con la zirconia Multilayer della Noritake a cialde stratificate di colori traslucenti e i risultati estetici mi paiono ottimi anche se non esiste ancora una casistica sufficiente per validare appieno questa metodica. La metallo ceramica sugli anteriori l'ho completamente abbandonata soprattutto per questioni di spazio che posso gestire in maniera meno demolitiva del moncone con i nuovi materiali.

4 Corona singola su impianto in elemento posteriore

La realizzo sempre in CAD CAM ma in metallo poi ceramizzato.
Non vedo la necessità di realizzare una monostruttura in zirconia da ceramizzare successivamente con rischi di cipping e maggiori costi.
Oggi il digital flow in protesi è perfettamente codificato con risultati predicibili nel tempo.
I software CAD consentono molto facilmente di modificare l'angolazione del tragitto di inserimento della vite con grossi vantaggi per la manualità del clinico e per l'estetica dei manufatti. La mia opinione è che oggi tutti i materiali protesici vanno lavorati in CAD CAM.


Davis Cussotto



Venerdì 19 maggio a Rimini Fiera, Nicola Scotti sarà relatore nel workshop: Odontoiatria digitale: da dove iniziare? Che ANDI ha organizzato durante Expodental Meeting nel Padiglione EXPO3D. L'evento servirà da orientamento alle scelte terapeutiche, sia per chi è ancora digiuno di tecnologie digitali e sia a chi già le utilizza.

Articoli correlati

Convenzioni con i dentisti privati ed una assicurazione odontoiatrica pubblica le soluzioni indicate


Con il 31 dicembre sono terminate le elezioni per i rinnovi delle CAO Provinciali e la nomina dei presidenti che saranno in carica fino al dicembre 2020.Rispetto alla precedente tornata elettiva...


Il 54% dei medici ha raccolto il numero di crediti necessario nel triennio 2014-2016 mentre i dentisti ligi alla norma sono stati il 51%. Il Segretario FNOMCeO Sergio Bovenga non concorda con i...


Il degrado dell'interfaccia dei restauri adesivi in composito è il risultato di più fattori combinati. Alla base vi è la contrazione da polimerizzazione tipica dei materiali compositi, che può...


Si chiama diabete urbano, in quanto il 75% dei pazienti diabetici si colloca in aree urbane. Per sfidare la nuova emergenza intorno al paziente si sono "auto-contingentati" medici diabetologi,...


Altri Articoli

Durante un convengo sul contenzioso odontoiatrico, un relatore diede questo consiglio alla platea: “se vi si rompe uno strumento canalare in una radice, e non riuscite a...


Il prof. Pier Francesco Nocini (nella foto)  è stato proclamato Rettore dell’Università di Verona per sei anni accademici, a partire dall’anno accademico 2019/2020.Il prof. Nocini ha ottenuto...


L'Ordine dei medici chirurghi ed odontoiatri della provincia di Milano ha istituito il premio "La fucina del futuro in medicina e odontoiatria: The Medical and Dental Futureshapers Challenge".Il...


Certamente la prevenzione e repressione del fenomeno dell’abusivismo odontoiatrico è una delle attività che il NAS compie quotidianamente sul territorio italiano, attività inserita in quella...


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Corsi ECM

 
 

Libri

 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
www.biceps-ua.com/bcaa.html

steroid-pharm.com/provinox.html

www.lkredit.com.ua/page/kredit-bez-zaloga